GIOSETTA FIORONI

pop art, piazza del popolo









PRODUZIONE ARTISTICA

Cesare tacchi, pop art, piazza del popolo, schifano, fioroni, lombardo


La Galleria è interessata all’acquisto di opere di questo artista.

Consultare la disponibilità delle opere
qui

Se volete essere contattati qualora siano disponibili in futuro delle opere di questo autore inviateci i Vostri dati:

tramite una email specificando la vostra richiesta a:
galleriascarchilli@gmail.com

altrimenti utilizzando il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI



TORNA ALLA HOME



BIOGRAFIA




Giosetta Fioroni nasce nel 1932 a Roma dove vive e lavora. Tra le figure artistiche italiane piu' importanti del secondo novecento, Fioroni ha attraversato e accompagnato le esperienze artistiche piu' significative della sua citta', a partire da quel famoso sodalizio che, agli inizi degli anni Sessanta, la vedeva affiancata a Tano Festa, Schifano, Kounellis e altri, fautori in quegli anni, della tendenza Pop in Italia. Sono di questo periodo diversi smalti su tela rappresentanti figure anodine ispirate alla realta' quotidiana delineate con pochi tratti ed una oggettivita' grafica capace di rendere il soggetto rappresentato simile ad una fotografia molto contrastata. Negli anni Settanta, Fioroni sposta il proprio interesse verso l'allestimento di minuscoli teatrini: parodie simboliche della realta' e dei rapporti umani visti attraverso l'occhio metafisico degli oggetti inanimati all'inteno di impianti scenografici. Ma di questa artista si ricordano forse meglio le innumerevoli carte, disegni e calligrammi che compongono l'universo affettivo e interiore. A partire dagli anni Ottanta sino ad oggi, Fioroni recupera in pieno il gusto per la pittura in linea con la piu' generale tendenza alla riscoperta dei materiali e delle tecniche tradizionali dell'arte. Pur non tralasciando il calligrafismo e l'utilizzo di una figurazione stilizzata, l'artista e' immersa ora in un mondo sospeso tra espressione intensa e coloristica da un lato, e forza strutturante del disegno dall'altro. "Tra i moltissimi frammenti visti, letti, visitati" scrive l'artista, "ricordo soprattutto il mondo pittorico dei Tiepolo, di Gian Domenico. Il senso del travestimento, della maschera, della bautta nei quadri di Longhi e Guardi. Le serpeggianti architetture, i perimetri delle comici che sottolineano il sublime Vuoto atmosferico, tutti questi spunti cosi' eterogenei, filtrati nella sensibilita', hanno un collante malinconico: il sentimento della fine. I quadri vogliono essere dolenti ideogrammi di tutto cio'. Sin nella scelta di 'stile', sia dove la sola superficie e' documento emblematico tra segno e non colore". Giosetta Fioroni ha collaborato con diversi scrittori, ha illustrato libri, pubblicato poesie, fiabe, interviste, interventi e memorie, raccolte di immagini, ceramiche, formelle, fotografie, serigrafie, pitture e sculture. Il suo esordio espositivo e' dei piu' prestigiosi, partecipa infatti, nel 1956, alla Biennale di Venezia. Certo anche le successive collettive non sono meno rilevanti, ricordiamo: 1957, "Pittori italiani alla Rome - New York - Art-Fundation"; 1958, "Realites Nouvelles", Parigi; 1960, "Contemporary Italian Art all'Illinois Institute of Tecnology", Chicago; 1964, di nuovo la Biennale di Venezia; 1966 vince il premio Spoleto; 1967, "Arte moderna italiana", Gemeentemuseum, L'Aja, Olanda; 1970, "Vitalita' del Negativo nell'Arte Italiana 1900-1970", Palazzo dell'Esposizione, Roma; 1972 terza partecipazione alla Biennale di Venezia. Nel 1973, "Combattimento per un'immagine", Museo d'Arte Moderna, Torino; 1974, azione con Boatta, Bonacelli e Bussotti per una cartella del Segnapassi alla Galleria Tartaruga di Roma. 1976, "Disegno in Italia" a cura di A.Bonito Oliva alla Galleria Canaviello di Roma; 1977, "Arte in Italia, '60-70", Galleria Civica d'Arte Moderna, Torino; 1978, "Metafisica del quotidiano" alla Galleria d'Arte Moderna di Bologna. 1979, GrafiK, Biennale di Heidelberg; "Testuale" a cura di F. Caroli e L. Caramel, Rotonda della Besana, Milano; "Ars Combinatoria", a cura di R. Barilli alla Galleria d'Arte Moderna di Bologna e al Palazzo Reale di Genova; 1981, "La linea della ricerca artistica in Italia, 1960-1980" a cura di Nello Ponente, Palazzo delle Esposizioni, Roma; 1982, "Generazioni a confronto" a cura di S.Lux, Istituto di Storia dell'Arte, Roma; "Arte italiana, 1960-1982", Heyward Gallery, Londra; 1983, "Critica ad arte" a cura di A. Bonito Oliva, Palazzo Lanfranchi, Pisa; "La scuola di Piazza del Popolo", Galleria La Tartaruga, Roma; 1985, "Aspetti della Pop Art", Centro Talamone, Lecce. 1986, "Arte italiana nel I960", Museo Sperimentale di Rivoli, Torino. 1988, "Disegno italiano dal dopoguerra ad oggi", Civica Galleria di Modena e Frankfurter Kunstverein. 1989, "Orientamenti dell'arte italiana, '47-'88", Mosca e Leningrado. Le personali sono innumerevoli, ricordiamo tra le piu' importanti sino ad oggi: 1961, presso la Galleria La Tartaruga, punto di riferimento degli artisti della cosiddetta "Scuola di Piazza del Popolo" che e' il nucleo centrale della Pop Art italiana. 1965, Galleria II Naviglio, Milano. 1972, si allestisce la prima grande antologica di Giosetta Fioroni presso il Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Nel 1979 sara' la volta della seconda importante antologica presso la Casa del Mantegna a Mantova. Nel 1982, Galleria Cinquetti, Verona. 1984, Galleria Giulia, Roma. 1986, Palazzo dei Diamanti, Ferrara. 1989, Galleria dell'Oca, Roma e nel 2001 la Camera dei deputati ha ospitato una sua mostra personale nel complesso monumentale di Vicolo Valdina.