ANTONIO SCACCABAROZZI

artista









PRODUZIONE ARTISTICA

pittore, Polietilene


La Galleria è interessata all’acquisto di opere di questo artista.

Consultare la disponibilità delle opere
qui

Se volete essere contattati qualora siano disponibili in futuro delle opere di questo autore inviateci i Vostri dati:

tramite una email specificando la vostra richiesta a:
galleriascarchilli@gmail.com

altrimenti utilizzando il modulo contatti del sito qui


TORNA ALL’ELENCO DEGLI ARTISTI



TORNA ALLA HOME



BIOGRAFIA



Antonio Scaccabarozzi nasce a Merate nel 1936 e attualmente vive a Montevecchia, ma la sua presenza è da considerarsi in un profondo contesto Europeo seppure la sua opera non si possa collocare in una precisa corrente. Egli riassume infatti diverse istanze che partendo da una pittura non figurativa affronta le problematiche dell’arte visuale, strutturale, concettuale e programmata, che ribalta poi in nome di una totale libertà pittorica nei termini della ragione e dell’emozione. La scelta di Scaccabarozzi non è stata casuale perché egli è stato un riferimento del territorio verso una cultura Europea, in particolare quando a Merate negli anni ’70 egli è stato tra i principali animatori di una attività, quella della Studio Casati che ha avuto il merito di portare autori, quali Morellet, Distel, Calderaia, Nigro, contribuendo anche ad un programma politico di decentramento artistico della cultura Milanese. Tantissime le sue esposizioni tra cui segnaliamo le personali: Galleria d’arte del Cavallino a Venezia, galleria Lydia Megert Berna, galleria Lorenzelli di Bergamo, galleria katin Rabus di Bremen. Le collettive: Leopold-hoesch-Müseum,D’Urem, Fondazione Bevilacqua la Masa , Raccolta Cernuschi Ghiringhelli al Museo Villa Croce di Genova, “Emozione e Metodo” alla Galleria Künsterl, Monaco, ultimamente Sharjah,International Biennial 6.( Emirati Arabi.) L’attuale mostra presenta la sua ricerca degli anni ’80 dopo le “Misurazioni”: in particolare le “Quantità libere”, quindi gli “Essenziali”dove l’artista presenta un colore puro senza supporto e poi dal 1996 i “Polietilene”, già presenti alla sua mostra tenutasi a Lecco nel quadro di “Lecco Arte Festival” nel ’98”.